Diario – Rio de Janeiro

La settimana scorsa sono stato a Rio de Janeiro per una conferenza. Come gia’ fatto in altre occasioni, ho pubblicato su facebook un diario delle cose strane e curiose che mi capitavano. Lo raccolgo qui, per rileggerlo tutto d’un fiato nei momenti futuri di nostalgia. Attenzione: e’ in dialetto triestino.

1) Dall’aereo Rio de notte (son atterra’ ale 4 de matina) xe’ scintillante. Ma nel vero senso dela parola. O i ga problemi de corente, o i ga dimentica’ tutti de cavar le luminarie de nadal.
2) L’accoglienza brasiliana me fa za sentir a casa in aeroporto. Scale mobili che no funzia e nastro bagagli setta’ sul “fraca che sta tutto”.
3) In autostrada a un certo punto iera tipo 50 troie ferme a lato (autostrada!) e subito dopo due bus de linea fermi e cento de lori che smontava. Questo xe’ quel che se ciama un puttantour!
4) L’albergo che go ciolto xe’ su un’isola pedonale nella laguna de Barra Da Tijuca, ghe se riva solo in barchetta pagando 1.50 real (mezzo euro)
5) i bus vien guidadi, come dir, grintosi. L’autista ga brusa’ 3 fermate perche’ iera a 80 in una strada sconnessa e no rivava a frenar.
6) a Ipanema ale 8 de mattina xe’ tutti che cori o fa esercizi nele stazioni de fitness. Tutti. Compresi i veci col cardigan a rombi. “Ucio, coverzite che fa fredo, te ga una certa eta’” “va ben Nerina, vado corer e me porto el cardigan”
7) A Copacabana iera onde de 2-3 metri che fa un rombo assurdo e babe che se allena a beach volley co l’allenador che usa la stessa tecnica de quel de mila e shiro. Balonade fortissime in muso.
8) Esisti la version brasiliana del McDonald’s, el Bob’s. I prezzi xe’ uguali, ma almeno i ga un funcionário revelação del mese che xe’ un incrocio fra Neymar e un ergastolano diciottenne in liberta’ vigilata.
9) Go prova’ a andar al porto e ordinar riso e fagioli per 8 persone, ma i me varda tutti mal.
10) per gaver accesso al wifi in metro me son firma’ come Antonio Coimbra de la Coronilla. Y Azevedo no ghe stava.
11) Anche qua i espressi xe’ pieni fin l’orlo. Scagazao meravigliao.
12) Esisti due robe per cui i brasiliani fa la fila: i autobus e le ricevitorie del lotto. Ma file de 50 metri! Soprattutto per el lotto.
13) Se i autisti brasiliani xe’ grintosi, la loro nemesi xe’ i pedoni. La gente camina tranquillissima quando devi traversar la strada, gnanca pel cul se passa 200 auti a tutta forza a un metro de distanza.
14) Par de no, ma Rio xe’ caretta. Le uniche robe che costa poco xe’ la cachaca e i taxi. El scatto iniziale dei taxi xe’ tipo un euro.
15) Ieri sera son anda’ in giro con ex colleghi e i me ga’ presenta un essere mitologico meta’ Michele Zazzara e meta’ Alain TheLone. Impressionante. El minotauro ghe fazeva una sega.
16) Ieri sera, dal terrazzo de una discoteca, go visto per la prima volta in vita mia tante stelle dell’emisfero australe. Canopo, Achernar, Fomalhaut, tutta la Carena, la Fenice, la Gru. Se no iera per Orione messo a testa in zo gavessi avu’ difficolta’ a orientarme. Xe’ 20 anni che aspettavo sto momento.
17) El modo migliore per mimetizzarse fra i brasiliani xe’ vestirse con una qualche maietta de una squadra de balon. Visto che solo Rio ga diverse squadre nella massima serie, ghe ne xe’ un’infinita’, quindi va ben veramente qualsiasi maietta de una qualche squadra, anche quela del Ponziana.
18) Continua la mia ricerca de tutti i nomi della Algida nei vari paesi del mondo. In Brasile se ciama Kibon.
19) Ieri sera xe’ scatta’ l’aperitivo de benvenuto sulla terrazza dell’hotel. In riva al mar. Col tramonto de fronte. Con caipirinhe illimitate e i camerieri che portava gnocchetti de formaio fritti.
20) La pericolosita’ dei quartieri de rio se misura dalla quantita’ de pattuglie coi lampeggianti rossi per ettaro. El quartier in cui son xe’ a medio-bassa periocolosita’, visto che xe’ strapien de case de lusso con guardie private e cancei giganti. 1 pattuglia ogni 3-4 ettari. Sabato sera iero a Lapa, dove go visto 3 pattuglie per ettaro. Una ogni 60 metri circa. E con sto popo’ de polizia qualche casin succedi comunque, appena xe’ un vicolo sconto.
21) Xe’ la prima volta che i speaker durante i talk i xe’ un po’ restii a mostrar le foto della citta’ dove i lavora. De solito se fa per attrar gente, e a volte funziona. Peca’ che fora de la porta qua xe’ 13 km de spiaggia oceanica, la laguna de drio, palme e caldo tutto l’anno.
22) Nelle conferenze de fisica ogni tanto capita dei fenomeni incapaci de parlar al pubblico che scambia el microfono per un laser pointer o el testimone dela 4×100. E cusi’ i te da’ una dimostrazion pratica dell’effetto Doppler, sempre apprezzada dai fisici in sala.
23) La prima presentazion in Comic Sans xe’ stada l’ottava. Pena xe’ comparsa ghe xe’ stadi due infarti, tutti i microfoni dei speaker in larsen, un caso de cecita’, un attacco epilettico a meta’ talk e una mia combo de bestemmie che se ga gira’ anche el Cristo Redentor sul Corcovado per farme l’occhiolino.
24) Motivi per cui sto albergo ga 5 stelle: el buffet del pranzo. IMPRESSIONANTE! Roba de buttarse per tera. Batti anche quel che gavevo a Hong Kong.
25) Motivi per cui sto albergo no se merita le 5 stelle: i fa un buffet cusi’ presidenziale e quando te va in bagno per “processarlo” no xe’ lo scopettone del cesso. Stricade come in una pista de atterraggio per mosche.
26) Ragazzi, no pode’ capir come che certi brasiliani parla inglese. In confronto Ronaldo iera un poliglotta. Fa morir de rider.
27) Nelle presentazioni de fisica esisti un dizionario tutto speciale, noto solo ai addetti ai lavori. Qualche esempio. You see it clearly = no se vedi un cazzo. As you may notice = no gavevo coioni de renderlo piu’ evidente mentre fazevo le slides. I acknowledge the contribution of = no xe’ un’idea mia. We shall conclude that = sparo a cazzo una spiegazion assurda.
28) I me ga estratto a sorte e go vinto una visita pagada al Corcovado. Quando se disi el destin.
29) I brasiliani ga una predilizion per i nomi italiani de aggiunger per render piu’ esotico qualsiasi roba. El chiosco in riva al mare se ciama “Tirreno” (in riva all’Atlantico, sia chiaro). El pollo se ciama “alla piemontese”. Full de galine a Torino…
30) Fra un mese ghe xe’ le elezioni in brasile e xe’ tutto un fiorir de cartelloni in giro con volti orendi (el mio preferito xe’ Andrè Lazaroni) e volantinaggio de minorenni che canta canzoni per strada tipo colonia cattolica in favor de questo o quel candidato.
31) In spiaggia anche de ste parti xe’ quel povero cristo che gira a vender robe, ma no vendi cocco. No, el maggior business xe’ nel vender confezioni de chilo de biscoit du globo. No so che cazzo xe’, no steme chieder.
32) El mato che ga fatto el talk prima del mio se ciama Braulio Archanjo. Difatti gaveva un inglese simile a quel che te parli dopo una bottiglia de Braulio.
33) Xe’ incredibile come alcune volte persone che xe’ abituade a controllar el minimo dettaglio nel proprio lavor e far la punta ai stronzi, se comporti poi come un pascolo de gatti quando xe’ de far la foto de gruppo. L’incubo de chiunque gabbi OCD.
34) La cena della conferenza la gavemo fatta de Porcao. No pode’ capir. Buffet gigante de robe fredde, buffet gigante de cucina giapponese, buffet gigante de dolci e 30 valenti camerieri che gira i tavoli ognidun con un spiedo lungo un metro e tochi de carne de 1 kg l’uno. Il tutto illimitato. Me vegnera’ tipo tre tenie.
35) Dopo el mio talk un’amica italiana me ga ditto che son sta bravo e che go l’atteggiamento da stronzissimo, “tanto xe’ come che digo mi, no sta romper i coioni”. Bene.
36) Finalmente son anda’ sul Corcovado per davvero. A 710 metri d’altezza te ga una discreta vista… O_O i mati ga costrui’ dappertutto con zero criterio e asfaltando a tutta forza, e noi che se preoccupemo de una villa in piu’ in costiera. E no sto parlando dele favelas.
37) Ieri sera a Copacabana se ga alza’ un ventaz che dopo 10 minuti go dovu’ girarme e camminar storto perche’ la panadura de sabbia iera ormai completa de un lato.
38) Ultimo plenary talk fighissimo, me lancio per far una domanda e mentre parlo me squilla el cellulare con un MACHEOOOOOOOH mosconiano. Prima volta in vita mia. Spero de no gaver inverti’ bestemmie italiane e parole inglesi tra pensiero e voce mentre continuavo la domanda, perche’ no capivo piu’ un zoca.
39) Go visto Braulio parlar con un prof de Pittsburgh. Gaveva una faccia, povero. No capiva una banana de quel slang stretto del prof. O sara’ sta el braulio?
40) Ultima sera in giro per Lapa, tutti i taxi che gavevimo ciapa’ gaveva la tv su schermetto da 7″ e tacada in bomba sull’impianto stereo. Ai tassisti par normal vardarse l’ultima telenovela in dolby 5.1 mentre se guida nel traffico de Rio. Meno mal che su Topazio no xe’ scene de sparatorie o aerei che atterra, se no diventavimo sordi.
41) Nonostante tutto el traffico gigante de rio, go visto ciclisti che lasa libera la pista ciclabile a lato (deserta) e preferisi pedalar tra i auti in fila. Ma che cazz?
42) Ieri notte semo finidi a una mostra de arte moderna in una fabbrica abbandonada, con pitture alte 6 metri nel salon centrale e sulla balaustra tutto attorno al pian de sora iera concerto jazz, bar, ristorante e piccoli atelier de una 30ina de artisti che vendeva robe. Ufo.
43) Ai brasiliani piasi esordir con “buona notte” anche quando xe’ le 7 de sera.

Annunci

Un pensiero su “Diario – Rio de Janeiro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...